6 cose da sapere per visitare l’Algarve in bicicletta

Quando si decide di visitare l’Algarve in bicicletta, si sceglie di immergersi completamente nei panorami costieri del Portogallo dove la forza dell’oceano si incontra e scontra con la determinazione dell’uomo. Tra scenari struggenti, punteggiati da distese di fichi e mandorle, corre l’ecovia do litoral, il percorso ciclabile più conosciuto dell’intero Portogallo.

6 cose da sapere per visitare l’Algarve in bicicletta

L’ecovia do litoral

L’itinerario ciclabile dell’Ecovia do litoral permette di attraversare la regione dell’Algarve in bicicletta214 km circa – chilometro più, chilometro meno – collegano Cabo de São Vicente a Vila Real de Santo António attraversando la regione portoghese da ovest ad est lungo un corridoio verde e culturale di incredibile bellezza.

Il chilometro zero, indicato da un monumento raffigurante una bicicletta stilizzata, è il punto di partenza di un’avventura in questa terra di navigatori ai confini del mondo. Il viaggio porterà i cicloturisti a scoprire paesini caratteristici, parchi nazionali, antichi menhir, ponti romani, castelli e note località turistiche adagiate in piccoli paradisi terrestri.

Saudade – una sensazione tutta portoghese

Chi ha viaggiato in Portogallo avrà sicuramente sentito parlare, e magari avrà anche sperimentato personalmente, la saudade.

Malinconia e rimpianto per il passato e per il futuro, ma anche necessità di utopia: definire questo sentimento portoghese non è affatto facile. Questa sensazione conosciuta fin dal Medioevo è un cocktail di diverse percezioni del mondo, tutte riconducibili alla ben conosciuta nostalgia. Il termine lusitano non ha riscontri nella lingua italiana anche se, nei nostri dialetti, si trova qualche termine che rievoca la saudade.

Il Fado – Amália Rodrigue

Se capire la saudade portoghese nell’essenza non è forse immediato, ascoltarla nel fado, un genere musicale tipico del Portogallo, è di certo più semplice.

Questo genere musicale popolare trova le sue origini nei luoghi più malfamati della nazione dove la violenza e la povertà affliggevano gli abitanti. Il fado, che trova nella cantante Amália Rodriguez la sua più importante interprete, oggi può essere ascoltato un po’ ovunque in Portogallo e con le sue sonorità malinconiche rievoca in ogni nota la saudade.

L’Oceano Atlantico

Compagno fidato di tutta l’Ecovia do litoral, l’oceano è uno dei punti fermi di un viaggio in Algarve in bicicletta. Da Cabo de São Vicente, soprannominato non a caso finis terrae, la fine del mondo, l’oceano, con le sue maree, le sue onde spumeggianti e le sue scogliere rocciose e ammalianti, accompagna i viaggiatori attraverso la regione più meridionale del Portogallo.

L’oceano è parte indissolubile dell’Algarve: dalle sue acque ne dipende la vita, il turismo, le tradizioni e la quotidianità.

Alcuni dei luoghi da non perdere assolutamente lungo la costa sono:

  • Sagres e Punta Sagres, frequentate dai surfisti di tutto il mondo. A Sagres venne fondata una scuola di navigazione e cartografia nel XV secolo;
  • Parque Natural do Sudoeste Alentejano e Costa Vicentina dove vivono le rarissime aquile pescatrici, le lontre e le cicogne bianche oltre ad altre specie interessanti da avvistare;
  • Lagos con le calette di sabbia dorata, le grotte nascoste e il porto fondato 2000 anni prima della nascita di Cristo;
  • Praia de Salema usata da secoli (e ancora oggi) dai pescatori locali;
  • Parque Natural da Ria Formosa, una riserva naturale fatta di costa ed isole.

Sapori portoghesi

Visitare e conoscere un paese significa anche assaggiarne i piatti più tipici.

La cultura gastronomica portoghese, e in particolar modo quella dell’Algarve, si focalizza in particolar modo sui prodotti dell’oceano, ma non solo. Il pesce e i frutti di mare vengono preparati in mille modi diversi, anche cotti nella cataplana, la tradizionale pentola in rame. Per chi predilige la carne imperdibile è il cozido à portoguesa, un piatto composto da carne bollita, insaccati e verdure. La maggior parte delle  pietanze viene condita con olio di oliva portoghese.

Colori e Natura

Girando per l’Algarve in bicicletta ci si meraviglia dell’intensità dei colori che la contraddistinguono. Il blu dell’oceano finisce dove inizia il turchese del cielo. Il verde dei boschi sembra abbracciare il candore delle abitazioni mentre i colori pastello delle casette delle cittadine costiere risaltano alla luce del tramonto. Il Portogallo è un tripudio di colori, un arcobaleno danzante e percorrendone gli itinerari in bicicletta si diventa parte di questo meraviglioso scenario europeo.

Per seguire gli itinerari ciclabili più belli partecipa a uno dei viaggi in bici in Algarve di Girolibero, non te ne pentirai!

Lascia un commento