Eurovelo: le grandi rotte ciclabili d’Europa

Cos’è il progetto Eurovelo?

Si tratta di un piano molto ambizioso: 15 grandiosi percorsi ciclabili che tagliano in lungo e in largo il Vecchio Continente. Le Eurovelo sono state pensate sia per dare un’opportunità in più alle persone di usare la bici nel quotidiano, sia per incentivare il turismo in bici, facendo conoscere regioni a volte poco note. Alla base ci sono obiettivi di sostenibilità ed educazione a uno stile di vita più responsabile.

  • Il progetto nasce nel 1995 dall’ECF, la European Cyclists’ Federation, un “ombrello” che riassume 60 associazioni nazionali di promozione della bici.
  • Nel 1997  la Commissione Europea concesse i fondi necessari per l’inizio degli studi e nel 2001 fu “inaugurato” il primo percorso, la Ciclabile Del Mare del Nord (Eurovelo 12)
  • Attualmente i percorsi su carta sono 15: in alcuni tratti siamo a livelli già di eccellenza, anche grazie a percorsi ciclabili preesistenti. In molti altri punti l’infrastruttura non esiste, e l’itinerario è ancora in progetto. Per capire lo stato dell’arte di ogni Eurovelo meglio consultare il sito ufficiale.

Come si identificano

Ad ogni tracciato corrispondono un numero e un nome: i numeri dispari indicano i percorsi che vanno da Nord a Sud, i numeri pari l’asse est-ovest.
Il nome si rifà di solito ad un aspetto naturalistico del tour, come la Ciclabile del Mar Baltico (Eurovelo 10), come anche ad aspetti storici: l’Eurovelo 13 ad esempio è dedicata alla Cortina di Ferro, e va dal mare di Barents al Mar Nero. Nei casi di ciclabili preesistenti, la segnaletica delle Eurovelo è stata inglobata in quella già in uso. In alcuni tratti potreste trovare anche segnaletica esclusiva Eurovelo.

 

Le Eurovelo

Ecco allora una breve presentazione di ciascun tracciato ciclabile.

Tenete sempre a mente che sono solo in parte realizzati, e di strada da fare ce n’è ancora molta.

Consiglio: al momento potreste aiutarvi anche con 3 app per smartphone: Eurovelo 13, Eurovelo 5 ed Eurovelo 6, dove troverete qualche info e il tracciato per intero.

 

Eurovelo 1 La Costa Atlantica
9.100 km
Da Capo Nord (Norvegia) a Caminha (Portogallo)


È quella che segue il confine occidentale dell’Europa, e a fare da filo conduttore del grande viaggio è l’oceano: si percorre la costa norvegese attraverso Tromsø e Bergen per poi sbarcare in Scozia (30 ore di traghetto). Coast to coast celtico e poi altro traghetto per l’Irlanda del Nord, proseguendo per la meravigliosa costa del Connemara, Cork e giù in Francia lungo la Velodyssée. Sempre più a sud: arriverete in Spagna, a Pamplona e Salamanca, e poi verso l’Algarve e la costa del Portogallo da sud a nord fino al confine con la Spagna.

 

Eurovelo 2 La Strada delle Capitali
5.500 km
Da Galway a Mosca


Un inizio abbastanza soft in pieno Connemara con la sua atmosfera musicale. Le capitali attraversate sono ben 6: dalla vivibile Dublino a Londra e poi Berlino, Varsavia, Minsk e ultimo colpo di pedale nella grandiosa Piazza Rossa a Mosca. Non mancano lungo il percorso picchi di maestosità come il Parco Naturale di Snowdonia in Galles, fatto di 100 laghi, infinite montagne incontaminate e altrettante leggende. C’è poi la primordiale foresta di Bialowietza tra Polonia e Bielorussia dove vive ancora il bisonte europeo allo stato brado.

 

Eurovelo 3 La Rotta dei Pellegrini
5.100 km
Da Trondheim (Norvegia) a Santiago de Compostela (Spagna).


Un percorso che unisce diversi antichi cammini di pellegrinaggio, come quello che corre tra Oslo e Trondheim, sulle tracce del santo patrono di Norvegia Olav Haraldsson,  l’Ochsenweg tra Danimarca e Germania, antica via agricola usata anche dai pellegrini nella rotta verso sud. Dopo Belgio e Francia si arriva a Saint Jean Pied-de-Port da dove continuare verso Santiago de Compostela.

 

Eurovelo 4 L’Europa centrale
4.000 km
Da Roskoff (Francia) a Kiev (Ucraina)


Grande inizio sulla selvaggia costa bretone con le sue potenti maree: si va verso Saint Malo e i luoghi della Grande Guerra in Normandia e Belgio. Scenderete poi in Germania percorrendo tratti delle piacevoli ciclabili del Reno e del Meno, la Boemia dei castelli e delle colline, e poi ancora rotta nord verso Cracovia. Nell’ultimo tratto si pedala verso Kiev tra una natura rilassante e i lasciti storici del dominio sovietico.

 

Eurovelo 5 La Via Francigena
3.300 km
Da Canterbury (Regno Unito) a Brindisi
Migliaia di pellegrini hanno percorso nei secoli a piedi e a cavallo questo lungo cammino verso Roma. È uno dei tragitti più ricchi e più attraenti, dove il senso della storia vi accompagna dall’inizio alla fine. Un tempo, una volta giunti a Brindisi il viaggio continuava fino in Terra Santa. I punti forti? Si parte simbolicamente dalla Cattedrale di Canterbury, e lasciate alle spalle le bianche scogliere di Dover arriverete nel cuore pulsante dell’Unione Europea, poi nell’Alsazia dei vini, in Svizzera, tra le meravigliose colline toscane e arrivo nella Città Eterna. Lungo tratti della Via Appia Antica si giunge alla meta finale, Brindisi, sulle coste della Puglia.

 

Eurovelo 6 Dall’Atlantico al Mar Nero
4.400 km
Da Nantes (Francia) al Delta del Danubio (Bulgaria)

Possiamo anche chiamarla la “rotta dei grandi fiumi”, dato che per lunghi tratti segue il corso della Loira prima, del Reno e del Danubio poi, fino al suo sbocco nel Mar Nero. Comprende la regina delle piste ciclabili, quella del Danubio, col suo famosissimo tratto da Passau a Vienna percorso ogni anno da centinaia di ciclisti. Segue poi il tratto più “verace” della ciclabile del Danubio, quello che connette Vienna, Bratislava e Budapest, dove a farla da padrone sono le 3 splendide capitali. Mano a mano che si prosegue verso Serbia e Bulgaria la natura regna sovrana.

 

Eurovelo 7 La Via del Sole
7.400 km
Da Capo Nord (Norvegia) a La Valletta (Malta)


Nove stati attraversati, dal paese del sole di mezzanotte fino alle assolate isole in pieno Mediterraneo. È un tragitto nel cuore dell’Europa da nord a sud in tutta la sua lunghezza, e che attraversa gli ambienti più vari: i grandi fiordi del nord alla costa del Golfo di Botnia tra Svezia e Finlandia, la Ciclabile dell’Elba tra Praga e Dresda -grande classica della bici-, i castelli della Boemia. Non vi perderete nemmeno il meglio dell’Austria in bici: il Salisburghese con i suoi laghi, l’Alpe Adria, la Carinzia e tratti della Ciclabile della Drava. Anche l’Italia viene percorsa per intero, inglobando la Peschiera-Mantova, Bologna, Firenze, Roma, Napoli, Catania e poi rotta in traghetto verso l’isola di Ulisse, Malta!

 

Eurovelo 8 La Via Mediterranea
5.900 km
Da Cadice (Spagna) a Nicosia (Cipro)


Perfetta per gli amanti dei mari più caldi e delle coste soleggiate! Un tragitto che emana tutto il calore del Sud della Spagna con le sue architetture arabeggianti, Barcellona, giovane e vitale, il Principato di Monaco, stretto su un piccolo tratto di costa, la futura ciclabile Vento da Torino a Venezia, e la fantastica costa che dal Golfo di Trieste corre giù in Dalmazia tra i paesaggi lunari delle sue isole. Dopo le meraviglie naturali dell’Albania un tuffo nella storia in Grecia, tra Patrasso, Corinto, Atene e infine Cipro, l’isola per metà ancora sotto dominio turco.

 

Eurovelo 9 Dal Baltico all’Adriatico
1.900 km
Da Danzica (Polonia) a Pola (Croazia)

Un itinerario spostato leggermente a est che attraversa tutta la Polonia dalla storica Danzica a Poznan e Breslavia, città gioiello ancora poco nota. Si scende poi in Moravia nella Repubblica Ceca e poi verso la Stiria, in Austria, la regione delle terme, toccando anche la bella Ciclabile del fiume Mur. Proseguirete in Slovenia nella zona di castelli e vigneti tra Maribor e Lubiana, e poi lungo il meraviglioso mare croato fino a Pola, col suo grande anfiteatro romano.

 

Eurovelo 10 La Ciclabile del Mar Baltico
8.000 km
Tour circolare da Danzica (Polonia)


Ideale per gli amanti del fresco nord: pedalerete lungo tutta la costa del Mar Baltico da Polonia e Germania sulla bella e omonima pista ciclabile del Mar Baltico. Tra Svezia e Finlandia pedalerete il perimetro del Golfo di Botnia, d’inverno quasi del tutto ghiacciato a causa al suo microclima gelido. Attraverserete culture molto diverse tra loro: la Germania del nord con le sue piccole stazioni balneari stile ‘800, la Russia di San Pietroburgo, e poi Estonia, Lettonia, Lituania che guardano il nord Europa con un piede ancora nell’Est.

 

Eurovelo 11 La Ciclabile dell’Est
6.000 km
Da Capo Nord (Norvegia) ad Atene (Grecia)
Come altri tragitti, anche questo parte dall’estremo nord della Norvegia per attraversare capitali tra loro diversissime: Helsinki, Tallin, Vilnius, Varsavia, Belgrado, Skopje e Atene. Dopo un tuffo nella natura delle repubbliche baltiche, arrivo in Polonia nelle città di Varsavia e Cracovia, e poi giù in Ungheria nella regione vinicola del famoso Tokaj. Finale a tutta storia nella terra del mito, la Grecia.

 

Eurovelo 12 La Ciclabile del Mare del Nord
5.900 km
Da Bergen (Norvegia) alle isole Shetland (Regno Unito)


Partenza dalla meravigliosa cittadina di Bergen e poi si pedala sulla ciclabile del Fiordo di Oslo. In Svezia, l’Eurovelo 12 si sovrappone alla Kattegattleden che va da Helsingborg a Göteborg. Gli ambienti cambiano poi radicalmente fino alle dune e ai polder di Olanda e Belgio. Con un traghetto sbarcherete nel Regno Unito pedalandolo da sud a nord: lungo la Lord Nelson Way nel Norfolk e poi su verso Edimburgo, Aberdeen, i deliziosi paesini di pescatori nascosti tra le baie, John O’ Groats Point -la punta più a nord del regno Unito-, le selvagge Orcadi e infine le lontane Shetland.

 

Eurovelo 13 Lungo la Cortina di Ferro
10.400 km
Da Kirkenes (Norvegia) al Mar Nero (Turchia)

È il simbolo di un’Europa che per quasi mezzo secolo è stata divisa tra Est e Ovest: si pedala lungo il vecchio confine che si stendeva dal mare di Barents al mar Nero. Una pedalata lungo una storia recente i cui segni e i racconti sono ancora vivi. È la più lunga tra tutte le Eurovelo, mostrando una varietà di paesaggi e culture impressionante, dal freddo nord alle repubbliche baltiche, poi Polonia e le capitali Vienna, Bratislava, Belgrado, Sofia. L’Eurovelo 13 finisce in Turchia, in omaggio al ruolo giocato dal paese nella Guerra Fredda.

 

Eurovelo 15 La Ciclabile del Reno
1.320 km
Da Andermatt (Svizzera) a Hoek (Olanda)


Partenza in grande stile da Andermatt, circondati dalle alte vette delle Alpi svizzere e giù fino alle cascate di Schaffhausen e il tranquillo Lago di Costanza, paradiso dei ciclisti e poi tra le case a graticcio dell’Alsazia, al confine tra Francia e Germania. Pedalerete poi lungo il tratto tedesco della Ciclabile del Reno, tra le dolci colline tappezzate di vigneti di Riesling, su terreno completamente pianeggiante. In Olanda poi il Reno si divide formando un grande delta dove confluiscono anche altri fiumi.

 

Eurovelo 17 La Ciclabile del Rodano
1.100 km
Da Andermatt (Svizzera) a Port-St-Louis o Sète (Francia)


Come Eurovelo 15, anche qui partenza da Andermatt tra le Alpi svizzere e una volta raggiunto il Lac Léman, dove sorge Ginevra, l’itinerario sfrutta la preesistente ViaRhôna, un progetto ambizioso che collega le Alpi alle spiagge del Mediterraneo. Attraverserete quindi splendide città come Lione e Avignone, dove si vedono ancora i resti delle costruzioni romane, e vi inoltrerete tra i vigneti della Côte du Rhône e tra i meravigliosi paesini che riflettono il sole della Provenza.

Vi abbiamo incuriosito ma qualche migliaio di chilometri vi sembra un po’ troppo? Niente paura, potreste cominciare con una settimana in bici, pedalando su alcuni tratti delle Eurovelo.
Ecco qui una lista di viaggi in continuo aggiornamento in cui potreste testarle.

Lascia un commento