Tra Parigi e Londra in bici: 11 posti da non perdere

Avenue Verte

Affrontare il percorso dell’Avenue Verte che unisce Parigi e Londra in bicicletta permette di immergersi ed attraversare un territorio fuori dalle normali rotte turistiche, pedalando nella campagna francese tra gli affluenti della Senna, per arrivare infine a Londra attraversando il Kent, vedendo paesaggi suggestivi e luoghi poco conosciuti.

L’Avenue Verte, la ciclabile da Parigi a Londra

L’Avenue Verte è la superciclabile europea nata dopo le Olimpiadi di Londra del 2012 sull’antico tratto ferroviario, ora chiuso in parte, che univa Parigi e Londra passando per le più note stazioni balneari francesi dell’epoca. Aguzzando la vista nel vostro viaggio in bicicletta potrete ancora scorgere i vecchi passaggi a livello e i capitelli che indicano la distanza da Parigi.

segnaletica-avenue-verte-girolibero-zeppelin

Segnaletica

Da Parigi a Gisors

Partenza scenografica da Notre-Dame passando dalla Tour Eiffel e l’Arc de Triomphe in direzione della Défense, quartiere commerciale dallo stile futuristico. Appena fuori dal centro della capitale si apre il mondo degli impressionisti: Nanterre, nell’Île de France, era il luogo preferito dai parigini e dagli artisti per un po’ di vita en plein air!

A Cergy si pedala nel cuore di un’opera maestosa di Urban Design, “World of Imagination”, progettata da Dani Karavan, e soprattutto sulla fantastica “passerelle” dell’Axe-Majeur, un moderno ponte rosso sospeso su un lago. Questo complesso è un immenso giardino a piani con 12 stazioni realizzato in 30 anni, di cui il ponte è parte integrante. Il rimando è alle linee dritte e imponenti degli Champs-Elysées di Parigi, ma nella quiete della natura.

Raggiungendo in bicicletta Gisors, incontrerete il castello medievale fatto costruire dal figlio di Guglielmo il Conquistatore, più tardi utilizzato anche come prigione per i Cavalieri Templari, da dove potrete ammirare il panorama sulla valle dell’Epte.

 

Tra l'Epte e l'Oise

Tra l’Epte e l’Oise

In Normandia tra calvados e cure termali

Procedendo con la bicicletta verso nord sulle orme della ferrovia parigina in mezzo alle dolci colline calcaree ed i terreni argillosi della regione del Bray, un’altra meta da non perdere assolutamente se siete curiosi di assaggiare le vere gourmanderies locali è Gournay en Bray, con il suo storico mercato ottocentesco ricco di prodotti tipici di questo territorio, come il formaggio di Neufchâtel, il Calvados e il sidro di mele. Questo formaggio vaccino con stagionatura breve a pasta molle viene tutt’oggi lavorato secondo una tradizione normanna che risale addirittura al X secolo e la leggenda narra che la sua caratteristica forma a cuore inizi a comparire durante la Guerra dei Cent’Anni come segno di fraternizzazione da parte delle giovani contadine francesi che lo offrivano ai soldati inglesi.

In questa parte dell’Avenue Verte il paesaggio è ricco di frutteti, soprattutto di meli della Normandia, ed è proprio dal frutto di questa pianta che si ottiene il famoso distillato Calvados, un’acquavite di sidro di mele invecchiata per almeno due anni in barili di quercia, che spesso viene servita sia come aperitivo che come sorbetto di metà pasto.

La pista ciclabile si snoda attraverso le colline verdi tra Vexin e Piccardia per raggiungere il paese di Forges-les-Eaux, il cui nome evoca le acque ferruginose dalle proprietà benefiche che hanno dato a questa località termale grande notorietà fin dal Cinquecento. I frati cappuccini costruirono qui un convento dove poter soggiornare per le cure termali spesso frequentato da Richelieu e da Luigi XIII, che si dice trovò proprio grazie a questa “fonte di giovinezza” la salute e le forze che permisero alla coppia reale di dare alla luce il Re Sole. Da allora Forges-les-Eaux diventò una meta molto alla moda che ospitò anche illustri  letterati tra cui Voltaire, Marivaux e Flaubert. Il terreno ferroso produce una particolare argilla che viene utilizzata per la realizzazione di ceramiche decorate con fiori ed uccellini tipiche della zona.

Se invece siete appassionati di orologi, lungo la pista ciclabile non potete non fare tappa e fermarvi a visitare il museo dell’orologeria a Saint Nicolas D’Aliermont. Durante la Prima Guerra Mondiale l’economia della cittadina ebbe un grande impulso grazie alla costruzione di telegrafi, e con la fine del conflitto si continuarono a costruire oggetti di meccanica di precisione. Per gli orari di visita potete guardare qui.

Avenue Verte-girolibero-fieno

Avenue Verte

Da Dieppe fino a Londra

L’Avenue Verte continua nell’ultimo tratto verso Dieppe, città francese sulla Manica, attraversando la regione della Senna Marittima. Dieppe è una cittadina portuale che fu teatro nel 1942 del primo tentato sbarco degli Alleati in Francia, che qui fallirono, ma sui cui errori fu pianificato il successivo sbarco di Normandia del 1944. Le sue famose scogliere di alabastro si ergono lungo la costa offrendo uno scenario mozzafiato ed il suo fascino potente le ha permesso di essere la prima stazione balneare della Francia. La presenza della linea ferroviaria e la popolarità raggiunta nell’epoca napoleonica, attirò nel XIX secolo numerosi artisti come Monet, Renoir, Degas e Pissarro. Oggi è possibile seguire diversi itinerari a loro dedicati partendo dai punti in cui a Dieppe i pittori posizionavano i cavalletti , qui troverete la guida del tour in francese. Dopo una passeggiata sulla celebre spiaggia dei Sassi Bucati potrete andare a bere qualcosa al Café des Tribunaux di Dieppe, luogo in cui gli Impressionisti ed anche Oscar Wilde, rifugiato in Francia sotto copertura dopo l’imprigionamento, amavano trascorrere le loro giornate. Qui il mercato dei molluschi è tra i più ricchi, variegati e noti di tutta la Francia e potrete assaggiare la marmitte dieppoise, una zuppa cremosa di pesci, molluschi e crostacei. Al terminal portuale di Dieppe potrete infine imbarcarvi con la bicicletta ed attraversare la Manica per continuare il vostro itinerario sull’Avenue Verte alla volta di Londra.

Dopo circa quattro ore di navigazione sbarcherete a Newhaven, piccola cittadina portuale inglese.

Cuckoo Trail

Cuckoo Trail

 Nella parte inglese lungo la Cuckoo Trail

Percorrerete poi un’altra pista ciclabile nata sul vecchio tracciato della ferrovia, la Cuckoo Trail, che deve il suo nome ai numerosi cuculi che nidificano sugli alberi della zona e di cui si può sentire il canto soprattutto in Primavera.

Attraversando Heatfield potrete continuare a pedalare sulla ciclabile tra il Kent e l’East Sussex alla volta di Groombridge, con il suo maestoso maniero che ha fatto da set per numerosi film ed ha ispirato Arthur Conan Doyle come scenario per le indagini di Sherlock Holmes ne La Valle della Paura.

Di nuovo in sella per arrivare a Hartfield, nei cui boschi di betulle, pini e querce, lo scrittore Alan Alexander Milne scelse invece di ambientare le avventure del famoso orsacchiotto Winnie the Pooh e dei sui amici.

La parte inglese dell’Avenue Vert continua nel pianeggiante West Sussex, per arrivare ad East Grinstead, con il centro del paese caratterizzato da affascinanti case in legno del XIV secolo.

Da qui parte anche la Bluebell Railway, che collega per quasi venti chilometri l’East ed il West Sussex e che utilizza sulla sua tratta esclusivamente treni a vapore. Con una collezione di oltre 30 locomotive, vanta un parco mezzi secondo solo al National Railway Museum. Se volete fare un giro a bordo, date un’occhiata qui . L’ultimo tratto dell’Avenue Verte vi porterà ora direttamente a Londra per scoprire una delle più belle capitali europee.

Se vi è venuta voglia di fare questo viaggio qui troverete le nostre proposte.

 

Lascia un commento