Il 2018 è l’anno giusto per vedere l’aurora boreale

Non è solo una questione di buoni propositi da viaggiatore – perché lo sappiamo che l’aurora boreale è anche nella tua lista di viaggi da fare – ma di cicli del sole che influiscono sull’intensità e la bellezza del fenomeno. Ma niente paura, gli scienziati assicurano che non ci saranno variazioni e che l’aurora continuerà a splendere anche nei prossimi anni.

Ecco perché il 2018 è un ottimo anno per vedere l’aurora boreale

Il sole ha un ciclo di 11 anni, in cui si alternano fasi di picco e fasi calanti. L’ultimo picco registrato è stato nel 2013 e sta iniziando la fase calante, che proseguirà per i prossimi 3-4 anni, per poi aumentare nuovamente. Ma niente allarmismi, non significa che l’aurora boreale svanirà, anzi.

Gli scienziati specializzati nello studio del fenomeno hanno trascorso gli ultimi 11 anni a studiare l’aurora boreale e addirittura sono arrivati a non trovare più molta correlazione tra i picchi solari e la comparsa delle “Luci del Nord”, visto il grande numero di avvistamenti e di fenomeni intensi, che proseguono anche in questi giorni. Il Nord Europa vanta infatti una posizione privilegiata, che la rende meno dipendente dall’attività solare: l’ovale aurorale, detto anche cintura dell’aurora, che circonda Norvegia, Svezia, Finlandia, Alaska, Canada, Groenlandia e Isole Faroe le rende il punto ideale per gli avvistamenti anche nella fase finale del ciclo.

Come tutti i fenomeni naturali, l’aurora boreale è un po’ imprevedibile e per questo bisogna “darle la caccia”, ma poter avere qualche possibilità di vederla in più non guasta mai, no? Quindi se siete un po’ scaramantici il 2018 potrebbe essere l’anno giusto per realizzare il vostro sogno di vedere l’aurora boreale.

Il periodo migliore per avvistarla

Il periodo migliore per vedere l’aurora boreale è l’inverno, in particolare da fine ottobre ad aprile. Il poco inquinamento luminoso e la presenza della neve rendono lo spettacolo davvero magico. In più potreste anche sentire la “voce” dell’aurora. Le perturbazioni del campo magnetico generato dalle particelle cariche che creano l’aurora spesso producono dei suoni simili a dei sibili e addirittura a dei battiti di mani.

Non solo aurora

In questo periodo il Nord Europa è la meta ideale per gli amanti dell’inverno e delle vacanze attive: mentre sei a caccia dell’aurora potrai provare l’esperienza di sfrecciare nella foresta con una slitta trainata da entusiasti husky, che non vedono l’ora di farti scoprire la loro splendida terra, rilassarti in una sauna per apprezzare lo stile di vita autentico e a stretto contatto con la natura dei finlandesi.

Tutti i nostri itinerari per vedere l’aurora

  • Tromsø e l’aurora boreale. Tromsø è uno dei luoghi migliori per vedere l’aurora boreale: è infatti il luogo con il maggior numero di avvistamenti, proprio perché si trova a soli 2.000 km dal Polo Nord.
  • Vuokatti e l’Aurora Boreale: meta sciistica nel nord della Finlandia, Vuokatti è in una delle regioni più pure del Paese. Il posto ideale per spostarsi con la slitta, ciaspolare e aspettare tra le foreste innevate le Luci del Nord. Sempre nella stessa zona anche il tour nella Taiga del Nord.
  • Se vuoi spingerti ancora più a Nord ecco la Lapponia.
  • Oppure se hai appena scoperto le ciaspole e sogni di usarle in Finlandia abbiamo l’itinerario per te, nello splendido Parco di Hossa, il parco nazionale più recente della Finlandia, inaugurato per festeggiare i 100 anni della nazione. Puoi leggere anche il racconto di viaggio in questa regione.

Lascia un commento