Un viaggio con la bici elettrica: tutto quello che vuoi sapere

Stai valutando una vacanza in bicicletta, ma non ti senti sufficientemente allenato. Subito pensi: nessun problema, posso scegliere una bici elettrica!  Hai ragione, ma prima meglio avere ben chiaro che cosa significa e-bike, come funziona, che tipo di manutenzione richiede durante il viaggio e quali accortezze avere durante la vacanza per sfruttare al meglio il supporto di questa bici senza problemi o false aspettative. Un passo alla volte cercheremo di sciogliere tutti i dubbi, ma se ancora non bastasse ti segnaliamo che ogni anno a Torino c’è una fiera dedicata proprio alle e-bike: si chiamaBike Up, è in programma dal 24 al 26 maggio 2024 e ci saremo anche noi!.

Partiamo dalle basi: bici elettrica VS pedalata assistita

Iniziamo subito con il dire che la bicicletta elettrica è quella che funziona anche senza pedalare e rientra nella categoria dei motorini elettrici. Mentre quella che troverai più comunemente in una vacanza in bicicletta, in un noleggio o nei bike-sharing, è la bici a pedalata assistita. Più comunemente detta e-bike, è una bicicletta con un motore elettrico, collocato sul mozzo posteriore o anteriore delle ruote, o in corrispondenza dei pedali (movimento centrale). E funziona solo se si pedala.

 

Viaggiare con una bici elettrica: le domande più frequenti


Perché preferire una e-bike ad una muscolare?

Una e-bike ti permette, anche se non sei un ciclista abituato, di fare molti km in un giorno e goderti dell’esperienza di un viaggio in bici, aiutandoti a percorrere più chilometri rispetto ad una bici normale. Tra i principali vantaggi c’è sicuramente quello di ridurre la fatica e affrontare ogni salita, ma anche quello di affrontare senza pensieri le giornate più calde grazie alla pedalata agevolata che evita grandi sudate e regala una sensazione di freschezza. Con la bici elettrica  puoi quindi scegliere ogni proposta di vacanza in bicicletta, senza la paura di non riuscire a completare il chilometraggio giornaliero e togliendoti il dubbio di non resistere al caldo estivo.


Come scegliere una bici a pedalata assistita?

Le variabili sono molte. Come nelle bici muscolari, dipende dall’utilizzo che ne vogliamo fare. In generale ci sono vari tipologie e modelli di bici elettrica, analoghi alle bici muscolari: mountain bike elettriche per superare dislivelli e strade sassose, city bike per l’utilizzo cittadino o bici cargo per portare i figli a scuola o fare la spesa senza utilizzare l’auto. Per le nostre bici pensate per il viaggio preferiamo la soluzione con movimento centrale, perché più efficiente e funzionale, con una distribuzione dei pesi ottimale. Grazie al display sul manubrio possiamo scegliere solitamente 3 o 4 livelli di assistenza alla pedalata (noi abbiamo scelto il sistema Bosch che propone i programmi eco, tour, sport, turbo): a seconda del percorso, potrai scegliere quello più adatto. Sempre sul display, oltre ai km percorsi e alla velocità, viene mostrata anche l’autonomia (range in inglese) che cambia in funzione dell’assistenza impostata. Solo una nota: nei nostri viaggi una volta fatta la scelta tra e-bike e bici normale non si può cambiare: sarà vostra fedele compagna per tutti i giorni di pedalata.


Si può usare anche in modalità off?

Certamente, quando si esaurisce la carica si pedala come una semplice bici muscolare, ma con una differenza di peso della bici che di norma si aggira intorno ai 23/25 kg. Il peso di una bici elettrica è infatti maggiore rispetto ad una bici classica, considerato che il peso di motore e batteria combinato è piuttosto pesante. Una volta arrivati alla meta potete ricaricarla come fosse un telefonino. Tutti gli hotel che selezioniamo nei nostri viaggi prevedono la possibilità di ricaricare!


Quanto dura la batteria?

Bisogna considerare molte variabili: la capacità della batteria, la tipologia di percorso, il peso del ciclista e il livello di assistenza del motore che si decide di usare (fate attenzione a non usare sempre il livello massimo). Le nostre bici hanno una batteria di 500 watt e permettono di percorre da circa 40-50 km nelle condizioni più dispendiose (livello massimo di assistenza, salite importanti), fino a 90-100 km utilizzando il livello di assistenza minimo in situazioni pianeggianti.


E-bike per bambini: quando e come sceglierla

Dobbiamo ricordare che la bici elettrica è un mezzo piuttosto potente, capace di raggiungere facilmente 25 km/h. In questo senso è quindi sconsigliato l’utilizzo ai bambini più piccoli, anche se a livello legale è una bici a tutti gli effetti, con le stesse restrizioni di una bici tradizionale.


Si possono aggiungere accessori bici alle bici e-bike?

Riguardo la possibilità di aggiunta di accessori bimbi non c’è una risposta unica. Dipende dalla tipologia di bici, nel caso delle nostre bici è possibile installare il seggiolino posteriore per bambini.

Come gestire la bici a pedalata assistita in viaggio

Bene, hai deciso di fare una vacanza in bicicletta utilizzando un’E-bike. Tieni sempre bene a mente questi consigli:

  • utilizza sempre i livelli di assistenza corretti in rapporto alla tipologia di strada che stai percorrendo: se tieni l’assistenza massima, rischi di finire la giornata dovendo ricaricare di nuovo;
  • non ti preoccupare di tenere le luci accese, vero che consumerai più elettricità, ma è trascurabile! Guadagnerai in visibilità e sicurezza;
  • chiudi bene la bici quando ti fermi per una pausa o per una visita. Usa un buon lucchetto per assicurare il telaio della bici a un palo o una ringhiera. Mai chiudere la bici mettendo il lucchetto solo sulle ruote, sono facilmente smontabili! E ricorda che queste bici sono le più ricercate dai ladri;
  • ricarica la batteria a fine giornata, avendo cura di collegare prima la batteria al carica batteria, e poi quest’ultimo alla presa elettrica;
  • porta sempre con te il carica-batteria. In caso di necessità potrai chiedere a un bar se ti permette di ricaricarla;
  • maneggia con cura la batteria e il carica batteria: eventuali cadute potrebbero danneggiarla e a quel punto la pedalata non sarà più assistita 🙂

Allora, ti senti pronto per partire? Se non hai ancora scelto la tua destinazione puoi leggere anche i nostri consigli sulle mete adatte per la prima vacanza in bicicletta. Tutti, ma proprio tutti i viaggi in bici sul sito girolibero, prevedono il noleggio di bici elettrica, in alcuni invece è proprio l’unica possibile (per affrontare con leggerezza le giornate più calde o le tappe in salita) come in Albania, Mantova-Venezia, Parigi e la Champagne e Abruzzo.

Lascia un commento