4 libri per viaggiare in Europa

Quattro letture assai diverse ambientate in quattro differenti luoghi d’Europa, per sfatare un mito o calarcisi ancora di più.

4 libri per viaggiare in Europa

Il fosso di Herman Koch (Amsterdam – Olanda)

 

L’Olanda: il paese dei mulini a vento, delle corse in bicicletta, i cui abitanti sono attenti all’ecologia, tolleranti e ben disposti. Ma a incrinare un siffatto immaginario d’idillio ci pensa il più famoso romanziere olandese contemporaneo. Herman Koch ne Il fosso dà infatti vita a un personaggio shakespeariano: è il sindaco di Amsterdam che, convintosi che la moglie lo tradisca con un assessore della sua giunta, non riesce più a mantenere l’aplomb che il ruolo richiederebbe. E il lettore scopre quante menzogne si celino dietro alle apparenze perfette. Di un matrimonio, di un gabinetto da sindaco, di una città, o di un Paese intero. Credersi liberi è pura illusione?

>> Scopri tutti i tour in Olanda

Le assaggiatrici di Rosella Postorino (Ketrzyn – Polonia)

Nel 2014 Margot Wölk, una donna tedesca di novantasei anni, ha rivelato alla tv nazionale di essere stata, quando ne aveva venticinque, una delle quindici assaggiatrici del Führer nella «Tana del Lupo», il quartier generale nazista costruito nella foresta nei pressi di Rastenburg, oggi Ketrzyn, in Polonia. Una di quelle donne cioè che, colazione pranzo e cena, assaggiavano i pasti di Hitler prima che li toccasse per sincerarsi che non fossero avvelenati. Questa storia così umana e terribile ha affascinato la scrittrice ed editor Rosella Postorino, la quale, nonostante vani siano stati i tentativi di mettersi in contatto con Margot Wölk, ha deciso ugualmente di scriverla. Ne è venuta una narrazione che nulla ha del romanzo storico in senso stretto, ma è un racconto universale sulla vita, la morte, la verità, la paura, e il tradimento di sé stessi e degli altri. Rosa Sauer, infatti, assaggiatrice per forza, diviene amante per scelta del tenente Ziegler, comandante del campo. Dove inizia e dove finisce la colpa?

>> Guarda i tour in Polonia

Divorare il cielo di Paolo Giordano (Ostuni – Puglia)

Calde estati pugliesi degli anni novanta segnano l’adolescenza di un gruppo di ragazzi: Teresa (la forestiera di Torino), Tommaso, Nicola e Bern (fratelli di sangue o di vita) e da lì in poi le loro vite si aggrovigliano come i fili d’erba bruciata sui quali si consumano i primi loro esperimenti da adulti.

Nel passare degli anni che li vedono diventare grandi, tra di loro s’innestano tentativi d’assoluto, vicinanze e lontananze feroci e strazianti. Quello che i quattro protagonisti compongono è un puzzle in cui un pezzo resta sempre fuori, quasi che la vita per definizione non fosse fatta per funzionare in modo perfetto. Ma proprio in quell’imperfezione vibrano i sentimenti più puri, anche se a volte sembrano attutiti, come dietro a una parete di ghiacci, o agli schermi che ben conosciamo.

>> Pronti a partire per la Puglia? Bici o trekking?

Islam in love di Rania Ibrahim (Dover – Inghilterra)

Giulietta e Romeo si chiamano Laila e Mark e vivono a Dover, oggi. Lei è una diciottenne musulmana che ha scelto di portare il velo per cercare un’identità che le appartiene ma non del tutto, lui, suo coetaneo, è il figlio di un politico di estrema destra. E come da tradizione si innamorano. Sarà proprio davanti alle famose scogliere che decideranno di determinare da sé stessi cosa per loro sia giusto e cosa no, in quell’eterno contrasto tra le “leggi del cuore” e le “leggi della città” (qui i precetti religiosi) di cui, dall’Antigone di Sofocle in poi, la letteratura si fa portavoce.

>> Scopri i viaggi nel Regno Unito: in bici oppure trekking e Viaggiamondo

Hai fame di altri suggerimenti di lettura? Qui trovi tutti i consigli che abbiamo scritto per Happy to be here!

Lascia un commento