Cosa fare in un viaggio a Mosca e a San Pietroburgo

Sogno da sempre la Russia. Ammirando le immagini di San Pietroburgo, della magnifica piazza del Palazzo mi immagino vestita con un abito rosso lunghissimo (non chiedetemi il perché, forse semplicemente perché ho visto troppe immagini bellissime di San Pietroburgo su Instagram) a roteare al suo centro inebriata di cultura. E poi c’è Mosca, l’incredibile capitale, teatro di vicende storiche vicine e lontane.

Andiamo insieme a scoprire cosa fare in queste due città della Russia che hanno tanto da regalare al viaggiatore, siete pronti?

Cosa fare a San Pietroburgo

Piazza del Palazzo è considerata il cuore di San Pietroburgo. Il miglior punto di accesso è il Doppio Arco di Trionfo, capolavoro dell’architetto Carlo Rossi che forma insieme a quello che un tempo fu lo Stato Maggiore Generale e il Ministero degli Esteri una facciata semicircolare.

Doppio Arco di Piazza del Palazzo

È delimitata a nord dagli edifici dell’Ermitage, uno dei complessi museali più importanti al mondo che ospita importanti collezioni d’arte, e a ovest dall’inizio della Prospettiva Nevskij, il grande viale che attraversa la città di San Pietroburgo unendo l’Ammiragliato al Monastero di Aleksandr Nevskij.

Al centro della piazza si erge la Colonna di Alessandro, dedicata allo zar Alessandro I in onore della sua vittoria contro Napoleone.

Il palazzo d’Inverno domina tutta Piazza del Palazzo con la sua monumentale facciata bianca e verde ed è il monumento più importante di tutta la città.

La chicca di San Pietroburgo è la fortezza sull’isoletta del delta della Neva, un complesso militare che segnò la nascita della città. Mai utilizzata come difesa venne adibita a incarcerare gli oppositori al regime tra cui lo stesso Dostoevskij. 

Chiesa di Sant’Isacco

Da non perdere una delle attrazioni più visitate, la Chiesa di Sant’Isacco, un’opera gigantesca di 111,2 metri di lunghezza e 97,6 di larghezza e un interno di sontuosi marmi, bronzi e oro, la cui sfavillante cupola è orgoglio della città.

Il vero gioiello di San Pietroburgo per me rimane però la Chiesa del Salvatore del Sangue versato dalle stupende cupole a cipolla decorate con smalti variopinti, piastrelle in ceramica e vetro colorato. I mosaici che rivestono le pareti interne la contraddistinguono da qualsiasi altro monumento che visiterete durante il vostro tour.

Chiesa del Salvatore del Sangue versato

D’estate c’è da rimanere a bocca aperta per lo spettacolo delle notti bianche che tingono il cielo di un colore particolare. La gente si riversa per strada anche di notte e i locali rimangono aperti fino alla mattina. Un’esperienza da vivere almeno una volta nella vita.

Cosa fare a Mosca

Difficile scegliere quando visitare Mosca, alcuni potrebbero essere intimoriti dal freddo invernale ma sappiate che visitarla in questo periodo dell’anno la rende estremamente affascinante.

La prima tappa del vostro viaggio a Mosca non può che essere il Cremlino con le sue quattro cattedrali interne e le imponenti mura rosse.

Proseguite verso la bellissima Cattedrale di San Basilio dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco. Da qui ammirate la piazza Rossa, cuore pulsante di Mosca e teatro di eventi che hanno fatto la storia.

Diversa da quelle che nel nostro immaginario sono le cattedrali russe la Cattedrale di Cristo Salvatore ha uno stile tutto suo, completamente intonacata di bianco brillante e con le sue meravigliose guglie ricoperte in oro è un vero simbolo di eleganza. Se amate l’arte russa non perdetevi galleria Tret’yakov di Mosca che custodisce importanti icone artistiche nazionali, come ad esempio la Madonna di Vladimir..

Il miglior panorama della città? Da ammirare senza dubbio dalla collina dei Passeri.

>> Anche tu sogni la Russia? Scopri tutti gli itinerari di Zeppelin. Vorresti pedalare a Mosca? Parti con Girolibero.

Lascia un commento