Le Banconote più belle del 2017

Uno degli aspetti meno considerati del viaggio, e a volte forse pure più fastidiosi, è il doversi adattare alle valute dei paesi stranieri. Cosa di cui, ammettiamolo, abbiamo perso l’abitudine da quando è entrato in circolo l’Euro.

Ci sono però un sacco di estimatori e collezionisti di numismatica a cui il tema sta molto a cuore. Di più! C’è addirittura un’organizzazione che se ne occupa, l’International Bank Note Society, una no-profit creata nel 1961 che vuole approfondire la conoscenza delle valute mondiali dal punto di vista culturale, storico e scientifico.

Il Bank Note Award

Succede che ogni anno questa società seleziona una rosa di banconote emesse nel corso dell’anno precedente, e i suoi membri le votano fino a proclamare la vincitrice. L’ambìto Bank Note of the Year 2017 Award se l’è aggiudicato nientepopodimeno che…

il taglio da 10 Franchi svizzeri!

Questa banconota riporta sul lato frontale un bel disegno di 2 mani con una bacchetta, a rappresentare la musica, e un mondo che simboleggia invece il tempo. Dall’altra parte una serie di ingranaggi ricordano i movimenti di un orologio, e le rotaie rendono omaggio alle ferrovie svizzere.

Le altre banconote finaliste

Vicine inseguitrici sono state le 10 Sterline scozzesi che omaggiano la scienziata Mary Somerville, pionera nel campo dell’astronomia, i 10 dollari Canadesi con 4 politici e regioni, i 7 Dollari delle isole Fiji dedicati alla squadra di rugby e alla prima medaglia d’oro olimpica, le 100 Corone norvegesi con una nave vichinga, e i 40 Franchi del Gibuti con lo squalo balena.

Sono stati apprezzati anche i 2.000 Rubli russi con il ponte Russki sullo Stretto del Bosforo a Vladivostok, i 20.000 Ariary del Madagascar con farfalle e piante di vaniglia, riso e litchi, e l’industria del nichel ad Ambatovy. I 1.000 Pesos dell’Argentina con le bellezze naturali da nord a sud.

E se vuoi vedere anche le altre banconote, non ti resta che dare un’occhiata sul sito dell’International Bank Note Society!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento