Viaggio in Perù: le mete imperdibili

Un viaggio in Perù è un’esperienza indimenticabile grazie alle ricchezze di ogni tipo che questo Paese ti può offrire: panorami mozzafiato, montagne da scalare, città dal sapore coloniale e ovviamente siti archeologici unici al mondo, per non parlare della sua ottima cucina.

Si sa, il tempo non è mai abbastanza per un viaggio, e il Perù meriterebbe mesi di esplorazione, ma in due settimane è comunque possibile scoprire i luoghi imperdibili dello stato sudamericano. Ecco quali sono secondo noi!

Le tappe imperdibili in un viaggio in Perù

Isole Ballestas e penisola di Paracas

Non troppo distante dalla capitale Lima si trova una delle meraviglie naturali del Perù. Non per niente le isole Ballestas sono soprannominate le piccole Galapagos. Una barchetta ti porta all’esplorazione di questo parco naturale marino e a osservare l’avifauna che lo popola. I buffissimi pinguini di Humboldt ti metteranno subito di buon umore con i loro goffi comportamenti, mentre invidierai la “movimentata” vita dei leoni marini e delle otarie che passano la giornata sonnecchiando sugli scogli. Attenzione però ai “bombardamenti” dall’alto: le migliaia di gabbiani, cormorani e sula sanno essere spietati!

Abbandonata la barca si può partire con un pulmino alla scoperta della penisola di Paracas: qui i panorami desertici la fanno da padrone e raggiungono scogliere mozzafiato a picco sul mare. Da non perdere le spiagge di Playa Roja e Yumanque, ma anche il villaggio di pescatori di Lagunillas.

Pssst: il ceviche, pesce crudo freschissimo marinato con cipolla e lime, qua è il top!

Arequipa

Arequipa è la città delle picanterias: in queste tipiche trattorie potrai assaggiare le migliori specialità della cucina peruviana, soprattutto a base di carne, mais e quinoa. Fai scorpacciate di zuppe, bistecche di lama e lomo saltado: il piatto nazionale peruviano a base di straccetti di manzo. La zona migliore è il barrio San Lázaro.

Ok, ma mica verrai qua solo per mangiare? Il mercato San Camilo è un’esplosione di colori ideale per gli appassionati di street photography, mentre il monastero di Santa Catalina con le sue viuzze e le sue piazzette ti farà tornare indietro nel tempo.

Lago Titicaca

Ti mancherà il fiato, e non solo perché siamo a 4.000 m di altitudine! Alcuni giorni nei dintorni del Lago Titicaca ti faranno vivere un’esperienza culturale senza eguali.

Nel sito archeologico di Sillustani, le tradizionali torri usate come sepolture dalle popolazioni pre-incaiche si stagliano contro la laguna di Umayo dando vita ad un panorama molto suggestivo.

Le isole galleggianti degli Uros, dove la popolazione vive in capanne costruite su enormi zattere fatte di canna, sono un po’ turistiche, ma sicuramente qualcosa di totalmente diverso da qualsiasi villaggio tu abbia mai visto.

Il massimo della regione sono però le isole di Amantanì e Taquile, dove le famiglie locali accolgono i visitatori con una gestione comunitaria del turismo che permette a tutti gli abitanti di trarne beneficio.

Cusco e la Valle sacra

Cusco è la più bella città del Perù, un vero gioiello coloniale, oltre ad essere il punto di partenza per esplorare la Valle Sacra degli Inca fino ad arrivare a Machu Picchu. Imperdibile il centro storico con la Cattedrale, all’interno della quale troverai una bizzarra versione dell’Ultima Cena con un porcellino d’india al centro della tavola.

I nostri quartieri preferiti? Il barrio de San Blas, epicentro della vita giovanile pieno di locali e il barrio San Pedro con il suo mercato coperto dove assaggiare lo street food più tradizionale insieme alla gente del posto.

Con una gita in giornata da Cusco è possibile poi di esplorare alcune dei siti storici protagonisti della storia Inca. A Pisac lascia perdere il mercato turistico e dirigiti subito alle rovine con le loro spettacolari terrazze, seconde solo a Machu Picchu.

Alle saline di Maras ti troverai immerso in uno dei paesaggi più particolari mai visti. Una sorgente di acqua salata scendendo a fondo valle imbianca la montagna e una serie di terrazzamenti permette l’estrazione del sale.

Poco lontano il sito archeologico di Moray, con i suoi terrazzamenti circolari dove gli Inca sperimentavano nuovi tipi di coltivazioni da poi adottare nei siti più estesi.

Infine le rovine di Ollantaytambo, raggiungibili salendo una ripida scalinata e dalle quali si può ammirare il panorama sulla valle sottostante.

Machu Picchu

Senza ombra di dubbio l’apice di una vacanza in Perù è rappresentato dalla visita del sito archeologico di Machu Picchu, una delle sette meraviglie del mondo moderno.

L’antica città, fondata nel 1440 dal primo imperatore Inca, è magnificamente incastonata tra i picchi delle Ande peruviane. La camminata metterà alla prova il vostro fiato e le vostre gambe, ma per godersi al massimo il panorama e fare delle foto da cartolina è possibile arrampicarsi su Montaña o Huayna Picchu, i due picchi che sovrastano la città.

Una volta ridiscesi si possono esplorare le rovine ottimamente conservate: riconoscere i campi terrazzati, le abitazioni, i templi e le residenze reali.

La sveglia all’alba è d’obbligo per entrare al sorgere del sole e godersi in tutta tranquillità la visita del sito.

I consigli di Paola e Marco ti fanno sognare un viaggio in Perù? Ecco tutti i nostri itinerari per trasformarlo in realtà.

Lascia un commento