Da Parigi a Londra in bicicletta lungo l’Avenue Verte

Una Londra insolita, e una Parigi da sognare a fine viaggio. In mezzo tanti spazi verdi pedalando lungo strade a basso traffico, piste ciclabili ricavate da vecchie ferrovie, e corsi d’acqua. Grazie all’ Avenue Verte o Greenway si può pedalare comodamente da Parigi a Londra, o viceversa come abbiamo fatto noi.

Avenue Verte: da Parigi a Londra e viceversa

È stata inaugurata nel 2012, in occasione delle Olimpiadi. Seppure nel vasto panorama europeo non manchino le grandi vie ciclistiche, a cominciare dalla capostipite Vienna-Budapest, questa proposta mette il sale sulla coda (o sella) ai ciclisti perché si toccano due città impareggiabili e impegnate in uno storico dualismo, dal caposaldo della monarchia alla culla della repubblica.

Il legame tra le due metropoli nasce pedalata dopo pedalata, grazie a quel filo sottile tracciato in mezzo alla natura che solo il mondo dei cicloturisti può apprezzare pienamente.E dopo aver scelto in che direzione procedere, non resta che dare il via.

Una grande città può mettere a disagio il turista al primo impatto, a maggior ragione se ci si deve adeguare con una viabilità all’incontrario, ma nel caso di Londra non c’è da preoccuparsi. Anzi, uno dei momenti più piacevoli dell’Avenue Verte è proprio  l’uscita dalla metropoli. Nel passare di pochi minuti si attraversano spazi verdi e luoghi che sanno stupire per la vastità dei parchi. Gli isolati si abbassano sempre più e la campagna si fa più verde mentre ci si fa strada verso i confini esterni della Greater London.

Dalla metropoli alle campagne inglesi

Abbandonati gli echi della metropoli per la quiete di modesti centri urbani, ci aspetta un territorio ondulato e ricoperto di querce, con piccoli fiumi che un tempo davano energia ai numerosi mulini della zona. Un territorio che sorprende nei pressi di Coulsdon, per i coloriti appezzamenti di una lavanda a fioritura prolungata. Raggiunta Brighton, dopo il trasferimento in treno da Coulsdon attraverso le contee di Surrey e West Sussex, iniziano nuove emozioni. A Brighton, città balneare nel sudovest della contea dell’East Sussex, lungo la Manica, sembra di rivivere l’atmosfera londinese per la folla che popola il lungomare e, come nella capitale, non manca nulla per divertirsi: dai pub al parco divertimenti posto su un lungo pontile in mezzo al mare. Altre emozioni attendono nel prosieguo del viaggio, con le bianche scogliere a picco sul mare, che accompagnano la pedalata verso Newhaven, dove un  traghetto ci porterà in terra francese. Dieppe, con il suo porto circondato da scogliere, merita attenzione e sarebbe un errore considerarla semplicemente una cittadina di transito tra un traghetto e l’altro.

Dieppe, teatro di un tentativo di sbarco alleato fallito miseramente del 1942, è anche l’antipasto di quello che ci riserva il resto del viaggio.

Gourmandie

Ai prodotti della terra si aggiungono le varietà offerte dal mare: siamo nell’Alta Normandia, detta anche “Gourmandie”, una regione che fornisce una vasta varietà di prodotti culinari. Per la gioia dei ciclisti, alla periferia di Dieppe inizia anche un tratto dell’Avenue Verte che è quanto di meglio si possa trovare nell’intero percorso, grazie a una lunga pista ciclabile che accompagna fino a Forges-les-Eaux, tra dolci ondulazioni e spazi verdi dove pascolano indisturbati animali da cortile e da latte. Le ampie estensioni di campagna coltivata caratterizzano i chilometri di Avenue Verte che ci separano da Gisors, una ridente cittadina che deve la sua fama a un castello dell’XI secolo eretto dai templari, mentre proseguendo si ritrova un’altra bella e lunga ciclabile ricavata sul sedime di una vecchia ferrovia. Da qui inizia anche il susseguirsi dei corsi d’acqua; iniziando dall’Epte per terminare sulla Senna. Vie azzurre che ci accompagnano nell’avanzare verso Cergy, assieme alla presenza di imponenti castelli e dove non mancano i tratti in salita. Raggiunta la parte settentrionale di Cergy è la presenza della rete ferroviaria locale, la RER, a indicarci che si è arrivati nell’Île de France, e il pedalare lungo le rive dell’Oise, fiume navigabile che in breve si tuffa sulla Senna, annuncia che Parigi è alle porte. La lunga pedalata sta per finire! Dopo aver lasciato Londra e percorsi gli oltre 300 chilometri che separano le due metropoli, manca solo un saluto alla cattedrale di Notre Dame.

 

 

Questo articolo è tratto dalla rivista “Itinerari e Luoghi”.

Lascia un commento